I prestiti Inpdap possono essere decennali?

I prestiti Inpdap decennali sono destinati ai dipendenti del pubblico impiego e costituiscono la scelta ideale per chi deve affrontare una spesa consistente, come la ristrutturazione di un appartamento, l’acquisto di un camper, o anche l’acquisto di un box o di un piccolo immobile, in relazione con l’entità del prestito. Per ottenere questo tipo di prestito, è necessario, prima di tutto, essere dipendenti o pensionati della pubblica amministrazione, iscritti alla Gestione Unitaria delle Prestazioni Sociali e Creditizie. Il prestito pluriennale è finalizzato, questo significa che il motivo deve essere giustificato, che si tratti di un acquisto, di una spesa straordinaria, di un lavoro di manutenzione.

La durata del piano di ammortamento dei prestiti Inpdap decennali è, ovviamente, di dieci anni, per un totale di 120 rate, il cui importo non deve superare la misura di un quinto della retribuzione o della pensione percepiti del richiedente. La garanzia per questo tipo di prestito è costituita proprio dal reddito del richiedente, che deve però essere dipendente con contratto di lavoro a tempo indeterminato e con almeno quattro anni di anzianità. Per chi ha un contratto a termine, è comunque possibile accedere ai prestiti Inpdap, purché la durata del piano di ammortamento non superi quella del contratto di lavoro.

Accedere ai prestiti Inpdap decennali, per i lavoratori pubblici, non è difficile, tuttavia occorre tenere presente che si tratta di un prestito finalizzato, per tale ragione alla domanda deve essere allegata tutta la documentazione che attesti la motivazione della richiesta, anche perché l’Inps ha fissato dei limiti precisi. Oltre ai prestiti decennali, è possibile per i dipendenti del settore pubblico ricorrere a prestiti pluriennali con piano di ammortamento quinquennale o variabile, e ai piccoli prestiti, una forma di finanziamento non finalizzato costituito da un importo da una a quattro mensilità, restituibile in un periodo da uno a quattro anni. I prestiti erogati dall’ex Inpdap offrono il vantaggio di un tasso di interesse che di solito non supera mai il 4,50%, si tratta di condizioni effettivamente privilegiate, se si considera che normalmente gli interessi richiesti da istituti di credito e società finanziarie arrivano a raggiungere anche il doppio.