Prestiti cambializzati per autonomi sono finanziamenti non finalizzati

Grazie ai prestiti cambializzati per autonomi, i titolari di partita Iva, i liberi professionisti e tutti i lavoratori autonomi e gli imprenditori in genere possono ottenere facilmente un finanziamento, sia per ragioni personali, sia per finalità legate alla propria attività. La particolarità di questo tipo di prestiti è la forma di pagamento delle rate, che avviene tramite cambiale, e che costituisce quindi una garanzia nei confronti dell’ente erogatore il quale, in caso di insolvenza, può attivare la procedura di pignoramento e di esproprio nei confronti del debitore.

I prestiti cambializzati per autonomi sono finanziamenti non finalizzati, che non necessitano quindi di alcuna giustificazione da parte del richiedente, e che possono essere concessi a lavoratori autonomi di ogni settore, anche nel caso di soggetti segnalati alla Centrale Rischi come cattivi pagatori a causa di trascorse situazioni di mancati o ritardati pagamento. L’emissione dei titoli di credito, vale a dire delle cambiali, quale forma di pagamento delle rate, che per un certo periodo era stata abbandonata a favore di altri metodi di pagamento, si sta diffondendo di nuovo a causa della possibilità di accedere ad un prestito anche per i soggetti che non dispongono di altre garanzie e che hanno avuto problemi di insolvenza.

La somma erogabile con i prestiti cambializzati per autonomi è variabile, in base alle necessità, al piano di ammortamento e anche all’affidabilità del soggetto, poiché un lavoratore autonomo, generalmente, è impossibilitato a fornire una busta paga; la sottoscrizione delle cambiali pari al numero delle rate conferisce a questo titolo di credito il valore sia di mezzo di pagamento, sia di garanzia per tutelare il creditore da possibili inadempienze.

Questo tipo di prestito è adatto anche per i richiedenti che si trovassero in una situazione di protesto per qualsiasi motivo, anche per disguidi o semplici dimenticanze: per ottenerlo è sufficiente presentare qualche garanzia ulteriore, quale può essere la firma di una terza persona e la presenza di beni e immobili da sottoscrivere a ipoteca. Il prestito, specialmente nel caso in cui la richiesta fosse avvenuta online, viene erogato in tempi brevissimi, occorre però prestare molta attenzione nell’osservare scrupolosamente la scadenza delle cambiali, per non incorrere in problemi e addirittura ritrovarsi coinvolti in procedure di esproprio.